25 giugno 2019: Vitiligine alla ribalta

Sdoganata da personaggi illustri quali Michael Jackson e la modella nera Winnie Harlow (diventata ormai testimonial ufficiale della patologia), la vitiligine, che colpisce circa 100 milioni di persone al mondo, in gergo medico è anche conosciuta come “Chloasma album” e chi ne è affetto presenta chiazze non pigmentate sulla pelle, ovvero macchie bianche che tendono, in maniera irregolare ma spesso simmetrica, ad aumentare in dimensioni e in numero con la possibilità di confluire le une con le altre.

La vitiligine rientra tra le malattie autoimmuni e le sue cause non sono ancora del tutto chiare. La familiarità, comunque, si riscontra nel 25% dei casi. È stata trovata anche una relazione tra vitiligine e altre malattie autoimmuni, tanto che circa il 30% dei pazienti soffre anche di tiroidite autoimmune. Non esiste, al momento, una cura.

Per la giornata 2019 il tema scelto è “La Qualità della vita per i pazienti con vitiligine” e si punta a sottolineare il fatto che la Vitiligine è una patologia cronica con cui convivere senza problemi di alcun genere, né di salute né sociali.

Non è un caso che la giornata mondiale della vitiligine sia in estate, periodo in cui l’esposizione del corpo al pubblico è maggiore e in cui il malato potrebbe avere ulteriori remore psicologiche nell’approccio alla malattia.

“Esporsi ai raggi del sole non fa male ai pazienti con vitiligine più di quanto non faccia male agli altri individui” è il motto di questa giornata, anche supportato da numerosi lavori scientifici che hanno dimostrato come le macchie bianche della vitiligine non siano più delicate del resto del corpo e che quindi vanno trattate come il resto del derma che si espone al sole. Il “problema” è solo di carattere estetico e insorge nel momento in cui l’abbronzatura accentua la discromia senza però nessun effetto nocivo sulle aree prive di pigmento. La protezione solare è quindi un must della borsa estiva di tutti.

Se la vitiligine non è vissuta con disagio da parte del paziente, nessun trattamento è necessario per viversi l’estate in serenità.

https://www.medimagazine.it/

Contenuto validato e pubblico
Loggati per condividere questo contenuto