IL CUORE? NON E’ A SINISTRA

Il cuore è per antonomasia l’organo testimone dei nostri sentimenti: quante volte abbiamo “messo la mano sul cuore” nei giuramenti ufficiali o prima delle partite della nostra Nazionale? Appoggiando la mano sul petto a sinistra, cantando a squarciagola l’Innodi Mameli, in realtà abbiamo sempre sbagliato posto.

Il cuore si trova al centro del petto, appena sotto lo sterno. Percepiamo il battito a sinistra perchè la punta del cuore è inclinata leggermente a sinistra, in posizione asimmetrica rispetto all’asse longitudinale del corpo.

Perché in caso di infarto percepiamo dolore al braccio sinistro? Il dolore è una sorta di spia con cui l’organismo ci segnala un danno dei tessuti, potenziale o reale. Alcuni organi, come il cuore, non hanno recettori del dolore e l’unico modo per comunicare una disfunzione è innescare un “dolore riferito”, ossia avvertito dal paziente in aree che non coincidono con la sede della lesione.

Il dolore non sempre è segnale di infarto, anzi: il braccio è costituito da muscoli, ossa e tendini, che possono essere soggetti a infiammazioni, contratture o traumi di vario tipo. Un parametro molto importante per capire se il dolore è di origine cardiaca o infiammatoria è la durata: se si tratta di una fitta molto forte ma che dura solo pochi secondi, è più probabile si tratti di dolori muscolari o intercostali.

In caso si sospetti un infarto cardiaco, è fondamentale non perdere tempo e chiamare subito il 118 per raggiungere il pronto soccorso più vicino. Un intervento tempestivo permette di salvare la vita di una persona ed evitare seri danni al cuore.

www.trombosi.org

www.icsmaugeri.it

Contenuto validato e pubblico
Loggati per condividere questo contenuto