Letture sul benessere sotto l’ombrellone

L’estate è per me da sempre un tempo dedicato alla lettura… le giornate più lunghe, gli impegni dei mesi invernali (prima la scuola, oggi il lavoro) meno pressanti. Se come me non riuscite a stare senza un libro in mano o se semplicemente volete approfittare delle vacanze per leggere, ecco qualche dritta! In particolare, i suggerimenti riguardano libri sul benessere psicologico e la crescita personale. I partecipanti ai corsi di formazione o ai convegni a cui mi invitano come relatrice, spesso mi chiedono “cosa posso leggere sull’argomento di cui hai parlato?”. I libri che vi propongo nella breve lista che segue hanno un taglio divulgativo (si, si possono leggere sotto l’ombrellone, in treno, aereo e via dicendo) ma sono scritti da autori con un alto profilo scientifico. Benché è probabile che contengano qualche iper-semplificazione dei concetti di cui trattano, le affermazioni si basano su un ampio corpus di studi e ricerche condotte da università e centri di ricerca.

  1. Imparare l’ottimismo (Martin Seligman). Essere ottimisti non significa che andrà sempre, tutto bene. L’ottimismo rappresenta la capacità delle persone di cogliere negli eventi della propria vita una parte di sfida e una di opportunità (per mettersi alla prova, per imparare qualcosa di nuovo, per cambiare qualcosa di sé o nel proprio ambiente). Come dire … il bicchiere è sia mezzo vuoto che mezzo pieno. In questo libro Seligman, già presidente della prestigiosa Società Americana di Psicologia, spiega che l’ottimismo si può imparare e presenta alcuni strumenti per misurare il proprio livello di ottimismo e modificare il modo in cui si interpreta ciò che ci succede.
  1. Intelligenza Emotiva (Daniel Goleman). Per migliorare le relazioni nella vita personale e professionale, servono la consapevolezza delle proprie emozioni e la capacità di saperle usare in maniera appropriata. Goleman riassume i concetti chiave di questa forma di intelligenza e offre molti esempi e spunti di riflessione su come diventare “esperti” delle proprie e altrui emozioni.
  1. Mindfulness per principianti (Jon Kabat Zinn).  Un testo che offre le indicazioni pratiche per iniziare la pratica della “piena consapevolezza”, che invita ad allenare la capacità della mente di vivere in maniera consapevole il momento presente, invece di rimuginare sul passato o preoccuparci del futuro.
  1. Perché alle zebre non viene l’ulcera? (Robert M. Sapolsky).  Il termine stress è uno dei più abusati della nostra epoca. Questo testo aiuta a comprendere di che cosa parliamo quando parliamo di stress. L’autore, biologo ed endocrinologo alla Stanford University, presenta in il fenomeno dello stress nei suoi aspetti fisiologici, comportamentali e psicologici e spiega come affrontare lo stress efficacemente. Il testo fa riferimento a studi scientifici (benché alcune ricerche più attuali non siano incluse), presentandone i risultati con un tono ironico e leggero.
  1. Pensieri lenti e veloci (Daniel Kahneman). Siete davvero sicuri che le vostre decisioni vengano prese sulla base di un ragionamento logico? Quanti errori vengono commessi in maniera inconsapevole nel valutare le situazioni? L’autore, psicologo e vincitore del Nobel per l’Economia nel 2002, spiega che la maggior parte delle volte utilizziamo “scorciatoie” mentali, soprattutto quando ci troviamo in una condizione di incertezza, per poter fare scelte in maniera veloce. Il testo è ricco di esempi e offre spunti per diventare più consapevoli degli errori sistematici che vengono commessi quando si formula un giudizio.

Buona lettura!

Contenuto validato e pubblico
Loggati per condividere questo contenuto