Anche batteri e virus possono essere causa di tumore

Nel 2018, secondo le conclusioni di uno studio pubblicato sulla rivista The Lancet Global Health, sono state 2.2 milioni le persone che hanno ricevuto una diagnosi oncologica causata da batteri e virus cancerogeni per l’uomo. Dunque per 1 paziente su 9 il tumore è stato indotto in conseguenza ad una infezione.

L’integrazione dei geni del patogeno nel il corredo genetico del «bersaglio-uomo», causa una mutazione nel DNA portando alla «conversione» di una cellula sana in una cancerosa.

Ad oggi sono più di dieci i virus e i batteri considerati cancerogeni per l’uomo. Fra essi però oltre il 90% dei tumori è indotto però da:

  1. l’Helicobacter Pylori (batterio), il più rilevante fattore di rischio per l’insorgenza del tumore dello stomaco
  2. il Papillomavirus (Hpv), alcuni ceppi particolarmente aggressivi portano allo sviluppo dei tumori della cervice uterina, in altre sedi genitali(vulva, vagina, ano, pene) e nel distretto testa-collo (cavità orale, faringe, laringe).
  3. virus dell’epatite B (Hbv) e virus dell’epatite C (Hcv), seppur diversi tra loro possono provocare il carcinoma del fegato.

DIFFERENZE TRA AREE DEL PIANETA

La distribuzione di queste malattie non è casuale. Secondo i dati dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (Iarc) è emerso che le diagnosi di tumore legate a precedente infezione sono più frequenti nei Paesi dell’Asia orientale e dell’Africa sub-sahariana. I numeri più bassi si registrano invece in Europa settentrionale e nell’Asia occidentale.

L’IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE

Limitandosi ai quattro patogeni più diffusi, esistono diverse opportunità per limitare questo pericolo:

  1. fare prevenzione con vaccinazione per Hbv e Hpv
  2. promuovere la diagnosi precoce come nel caso delle infezioni da Hpv a livello del collo dell’utero
  3. curare le infezioni come quella da Helicobacter pylori e da Hcv.

Purtroppo la diffusione di queste soluzioni non è omogenea: i ricercatori hanno registrato un’associazione inversa con i livelli economici: meno risorse ci sono in un Paese, più è facile imbattersi in queste malattie e a causa della disparità di accesso a screeningvaccini e cure averne un maggior danno nel tempo.

A cura di Michela Soardi

https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/articoli/oncologia/quanto-il-tumore-e-provocato-da-uninfezione

 

Contenuto validato e pubblico
Loggati per condividere questo contenuto