Più fibre a tavola: il segreto per prevenire molte malattie

L’alimentazione si sa è fondamentale per prevenire certe malattie e in particolar modo l’utilizzo delle fibre; 25-30 grammi al giorno proteggono dal rischio di ammalarsi di cuore, di cancro e di diabete di tipo 2.

Il principio fondamentale sta nella quantità di fibre che si portano in tavolo e sembra che 25-30 grammi ogni giorno siano il fabbisogno corretto; successivamente bisogna capire la fonte, se solubile o meno, se assunta attraverso la frutta, la verdura o i legumi, ma la priorità è mangiarne il giusto quantitativo.

Le fibre sono dei carboidrati complessi e possono essere solubili o insolubili: le prime sono in grado di sciogliersi nell’intestino, rallentandone lo svuotamento e favorendo la sazietà; le seconde agiscono aumentando la massa delle feci. In un regime alimentare equilibrato la fibra alimentare insolubile dovrebbe essere il 70-75% della fibra totale, mentre il restante 25-30% spetta alla solubile.

Non è una novità che un’alimentazione varia ed equilibrata concorra a mantenersi in salute e riduca il rischio di ammalarsi di cancro, o al cuore o di diabete; diversi studi hanno, infatti, dimostrato che mangiare quotidianamente cibi quali frutta, verdura, cereali integrali, legumi, tuberi è correlato a un ridotto rischio di sviluppare svariate malattie, tra le quali, oltre a quelle fino a qui citate, ricordiamo il sovrappeso, l’obesità, la sindrome metabolica e l’ipertensione.

Un’ulteriore conferma in tal senso arriva da un altro studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition che fa un passo avanti dimostrando anche come sia fondamentale il quantitativo giornaliero assunto di 25-30 grammi più che il tipo di fibra assunta. Ora però rimane da capire come far aumentare i consumi da parte della popolazione creando dei percorsi alimentari facili da seguire e che coinvolgano più fasce d’età dal bambino all’adulto.

A cura di Antonella Boldini

https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/articoli/alimentazione/piu-fibre-a-tavola-per-evitare-diabete-cancro-e-malattie-cardiovascolari

Contenuto validato e pubblico
Loggati per condividere questo contenuto