SOS bagnetto: consigli utili

I cani non amano particolarmente acqua e sapone: se è vero che adorano tuffarsi in piscina o in mare per nuotare e giocare tra gli schizzi, non si accostano però con altrettanto entusiasmo al classico bagno in vasca con shampoo e spugna.

Partiamo da un presupposto: gli animali non hanno bisogno di lavarsi spesso come noi, anzi bagni troppo frequenti potrebbero irritargli la pelle causando dermatiti. La frequenza con cui lavare il cane è di massimo una volta al mese: meglio giocarsi la carta e metterlo in vasca quando torna da una passeggiata tutto infangato o ha un odore particolarmente sgradevole. È consigliabile iniziare a fare il bagno al nostro peloso fin da quando è cucciolo: l’abitudine all’acqua renderà il lavoro più semplice quando sarà grande.

La vasca o la tinozza vanno riempite a metà con acqua tiepida, in modo che il rituale sia piacevole per il cucciolo: nessuno di noi ama fare un bagno bollente e i cani in particolare sono molto sensibili al calore. Durante la pulizia del muso, se le orecchie del peloso sono pendule è utile piegarle e chiuderle delicatamente verso il basso; viceversa, se erette o semi-erette è consigliabile inserire un pezzo di benda orlata all’interno e innaffiarle da dietro. I canali auricolari canini infatti hanno una forma a L: se entra acqua e rimane intrappolata si possono verificare infezioni e otiti. E’ bene evitare poi che il sapone entri negli occhi, causando bruciore, arrossamenti e irritazione: a tal fine sciacquare subito la zona dopo averla insaponata.

E’ importante insaponare il nostro amico a quattro zampe con detergenti specifici per animali: la pelle del cane ha un pH diverso da quello umano, più tendente al neutro che all’acido. L’utilizzo di prodotti non idonei potrebbe causare arrossamenti, dermatiti e prurito. La pelle umana inoltre è ricca di ghiandole sudoripare, assenti nella pelle canina, molto più ricca di ghiandole sebacee: questa la ragione per cui i cani non sudano dall’epidermide, ma dai cuscinetti delle loro zampette, che usano in parte per la loro termoregolazione.

Infine, quando il cane esce dalla vasca, strofinare delicatamente il pelo con un asciugamano e utilizzare il phon, tenendolo ad una distanza di almeno 20-30 cm, al minimo della potenza. Non usare creme dermoprotettrici o altri prodotti cosmetici.

 

Doctorvet.it

Clinicaveterinariagaia.com

Veterinari.it

Contenuto validato e pubblico
Loggati per condividere questo contenuto