Spray nasali: usare con cautela

I decongestionanti nasali rappresentano, in apparenza, una soluzione rapida per combattere i sintomi da raffreddamento come naso chiuso, prurito nasale e tosse.

Un paio di spruzzi possono alleviare in pochi secondi i tessuti gonfi, facendo tornare a respirare anche le narici più ostruite. Se non viene trattata in modo adeguato, infatti, la congestione nasale può rappresentare un sintomo fastidioso e far perdere al naso la sua funzione di filtro e idratazione dell’aria respirata.

Nell’utilizzo di questi farmaci bisogna porre attenzione perché, considerando il rapido sollievo che forniscono, si è spesso spinti ad utilizzarli con poca accortezza e con tempi e modalità superiori a quelli previsti.

Il meccanismo che si innesca grazie al loro effetto rapido, porta ad “abituarsi” ad usare i decongestionanti in modo eccessivo. Le mucose del naso si adattano a questa sostanza e, quando viene sospesa, la rinorrea tende subito ad aumentare, inducendo a continuare l’assunzione.

I decongestionanti nasali spray contengono delle sostanze chimiche che restringono i vasi sanguigni congestionati, diminuendo l’afflusso di sangue, la congestione e producendo, dunque, un rapido sollievo.

I più utilizzati sono certamente i simpaticomimetici (farmaci che agiscono su diversi tipi di recettori mimando l’azione di adrenalina e noradrenalina). Il loro utilizzo, però, andrebbe limitato ad un periodo non superiore ai 7-10 giorni.

Un uso prolungato può provocare un effetto di rimbalzo sulla rinorrea e indurre addirittura a patologie conseguenti anche gravi.

Oltre la settimana di utilizzo, si possono generare danni permanenti alla mucosa nasale (come rinite iatrogena o medicamentosa), mentre un utilizzo cronico può addirittura causare problemi sistemici dell’apparato cardio-circolatorio.

Infine, i decongestionanti nasali andrebbero totalmente evitati se si soffre di patologie cardiologiche, di ipertensione o di diabete, così come durante la gravidanza e l’allattamento.

Salvo nel caso di raffreddori transitori, i decongestionanti non risolvono assolutamente il problema e andrebbero preferiti prodotti che idratano le mucose o soluzioni saline per il lavaggio delle fosse nasali, pratica che, oltre a dare sollievo, permette di eliminare virus e batteri.

https://www.uspharmacist.com/article/decongestant-use-in-hypertension

Contenuto validato e pubblico
Loggati per condividere questo contenuto